AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Vatileaks. Card. Cottier: “Ho avuto un certo pensiero…”

SANTA SEDE

Vatileaks. Card. Cottier: “Ho avuto un certo pensiero…”

22/02/2012

 di Paolo Rodari da "Palazzo Apostolico".

 

“Mi è capitato di riflettere… e proprio durante le giornate del Concistoro, confrontandomi con altri confratelli, ho constatato che non ero stato il solo ad avere un certo pensiero. Che è questo: in tutto l’agitarsi attorno alla chiesa, si può vedere l’opera del maligno al lavoro. Nel senso che se la chiesa fosse assopita nella mediocrità, o occupata solo di intrighi, rivalità, il diavolo non avrebbe molto da fare. Ma se agita molto le acque allora vuol dire che c’è vitalità nella chiesa, che il maligno vuole contrastare. E questa vitalità è la forza della fede, è la vita cristiana che si manifesta in tutto il mondo”.

A dire queste parole ad Avvenire quest’oggi è il cardinale Georges Cottier, novant’anni ad aprile, per quasi vent’anni teologo della Casa Pontificia (leggi: “Cottier: Benedetto XVI è la colonna che tiene“).

Parole brucianti le sue, che dicono dell’esistenza, anche entro le mura leonine, di una forza oscura che spinge la chiesa verso l’autodistruzione.

Padre Gabriele Amorth, l’anziano esorcista delle diocesi di Roma, nel suo ultimo libro “L’ultimo esorcista” parla ampiamente del Vaticano e di Satana. E della battaglia che in particolare i Pontefici sono chiamati a compiere.

Scrive: “Non ci sono prove per dire che in Vaticano ci sia Satana, nel senso che non ci sono prove per dire che ci sono persone che in Vaticano svolgono riti satanici. Persone che sono volutamente schiave di Satana e che lavorano per instaurare il suo regno di buio, morte e distruzione in questo mondo. Io, almeno, non ho prove… Ricordo però il 3 febbraio 1977, le parole di Paolo VI durante l’udienza generale: ‘Non è meraviglia se la scrittura acerbamente ci ammonisce che tutto il mondo giace sotto il potere del Maligno’. Paolo VI parla spesso del demonio. E spesso lega la sua figura alla chiesa. Perché? Forse perché vuole semplicemente ammonire la chiesa, chiederle di essere prudente, di fuggire le tentazioni di Satana. Ma, a mio avviso, c’è di più. Paolo VI in qualche modo si accorge che Satana è dentro la chiesa, forse addirittura dentro il Vaticano. E lancia l’allarme”.

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi