AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Un manifesto al Papa dei laici olandesi

SOMMO PONTEFICE

Un manifesto al Papa dei laici olandesi

01/12/2013

Olanda: Una visita molto importante da parte della chiesa del paese europeo che sta attraversando una nuova forte crisi

 

Marco Tosatti da Vaticaninsider
Roma

 

 

Lunedì mattina il Papa riceve in visita ad Limina i vescovi olandesi. La riunione, inizialmente prevista per giovedì 5 dicembre, è stata anticipata; in settimana si svolgerà anche la riunione – la seconda – degli otto cardinali consiglieri del Papa per la Riforma della Curia, e il carico di impegni è tale che non sarà possibile per i vescovi avere un colloquio individuale con il Pontefice.

 


In concomitanza con la visita a Roma, è partita però una forte iniziativa di migliaia di cattolici olandesi, che hanno emesso un comunicato, e preparato un documento, diretto al Papa, e intitolato “ad limina”. La situazione della Chiesa in Olanda, mai tranquilla da decenni, sembra conoscere una nuova crisi, che provoca “preoccupazioni radicate verso la direzione allarmante che la Chiesa olandese, gravata da difficoltà ha preso negli ultimi anni”, scrivono i laici.
Molti laici attivi in circoli scientifici, accademici, legali tecnici e del mondo degli affari, così come altri che li appoggiano, vedono che “la fede cattolica, la cultura, il suo patrimonio e la sua eredità sono ora in pericolo di essere persi per sempre”. L’impressione è che la Chiesa del Paese “sia alla deriva”; e per questo hanno compiuto una mossa senza precedenti dai tempi del Vaticano II. “Due gruppi di laici hanno deciso di unire le loro forze, risoluti a farsi sentire alla luce di un nuovo corso di ‘discernimento, purificazione e riforma’ come sottolineato dalla ‘Evangelii Gaudium’”.


Così la Bezield Verband Utrecht (BVU), che ha più di quattromila associati e un seguito molto maggiore, come si può rilevare dalle visite al suo sito, si è unita al “Professorsmanifest” (PM). Quest’ultimo è una piattaforma accademica che comprende più di sessanta docenti in tutte le università olandesi. “Due settimane fa il gruppo, in una mossa determinata a mostrare il suo costante appoggio al Papa, si è detto d’accordo a lavorare con BVU nella preparazione di un ampio rapporto intitolata Ad Limina Apostolorum”.

 


Il rapporto è stato fatto giungere al Pontefice. I laici accusano i vescovi di “aver scelto di ritirarsi dai loro obblighi e responsabilità verso il loro gregge citando una litania di ostacoli sociali che sono incapaci o non vogliono affrontare”. In particolare appare allarmante ai laici il programma di soppressione di parrocchie, chiusure, vendita di beni ecclesiastici e chiese. I vescovi vogliono creare nuove megaparrocchie chiamate “Centri eucaristici”, guidati da “squadre di management” nominate dai vescovi con un prete. Questo nuove mega-parrocchie saranno chiamate “Luoghi di speranza”.

 

Circa 1300 parrocchie saranno soppresse, mille edifici ecclesiastici saranno demoliti. “C’è la diffusa sensazione – scrivono i laici – che queste azioni vengono condotte in assenza della procedure prescritte relative all’’alienazione di beni temporali’ stabilite dal codice della Chiesa”. Queste misure sono prese contro i desideri dei parrocchiani, molti dei quali sentono di essere stati “marginalizzati e privati dei loro diritti nelle loro proprie chiese”. Ai loro occhi, scrive il documento, i vescovi sono responsabili di applicare una politica di “secolarizzazione aggressiva”.

 


E’ una politica originata, secondo i firmatari del documento “in una cultura della paura” che demoralizza i credenti, e minaccia la fede. E concludono: “Uniti insieme nelle loro fede in Cristo e nelle loro devozione alla Chiesa cattolica universale, sono determinati ad arrestare la tendenza corrente di mettere in silenzio la fede, in modo da restaurare un ordine giusto nella Chiesa”, e che si trovi una soluzione ai problemi nel dialogo con “apertura, obiettività, onestà e verità”.

 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi