AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Un grande templare: Ramon Sa Guardia

ORDINI E CAVALIERI

Un grande templare: Ramon Sa Guardia

12/11/2013

 

Appartenente alla nobiltà del Roussillon, Ramon Sa Guardia era fratello di Pons, signore di Canet-en-Roussillon, e di Bérenguer, vescovo di Vic, in Catalogna, mentre una sorella era badessa dell'abbazia di Santa Maria de Valldaura, al di là dei Pirenei. Ricevuto nell'Ordine a Saragozza, nel 1274, da Pierre de Moncada, diventa precettore di Mas Déu (1292), poi di Peñíscola (luglio 1295/marzo 1298) ed ancora di Mas Déu. Dopo l'arresto di Exemen de Lenda, maestro d'Aragona, Ramon, in qualità di luogotenente, assume il comando dei Templari della regione. Come "soldato di Cristo", non riconoscendo altra autorità se non quella papale, Ramon ordina ai suoi confratelli di barricarsi nei loro castelli e di resistere ad oltranza, armi alla mano. Egli stesso si chiude nel castello di Miravet.Nel dicembre del 1307, Ramon scrive una lettera al re Giacomo e alla regina Bianca, in cui rammenta ai due sovrani che le loro conquiste in Spagna, così come quelle dei loro predecessori, sono conseguenti anche al sacrificio ed all'abnegazione dell'Ordine. Giacomo risponderà, nel gennaio 1308, ingiungendogli di sottomettersi all'inquisizione, ma la replica di Ramon sarà un invito a tutti i Templari superstiti a difendersi con ogni energia.

All'ennesima intimazione, Ramon si dichiara disposto a rispondere al papa, ma se le accuse sono di eresia, lui ed i suoi cavalieri saranno pronti a morire con le armi in pugno nei castelli conquistati ai Mori a prezzo di sangue. Ancora, qualche mese più tardi, Ramon ribadisce che accetterà le decisioni del papa, purchè "canonicas et legitimas", altrimenti a decidere saranno le armi. A novembre, il re d'Aragona fa recapitare a Miravet un documento che stabilisce le modalità della resa templare nel modo più onorevole possibile, ma Ramon non accetta, vuole una risposta dall'unica autorità riconosciuta, il papa. Prima dell'estate del 1309, i castelli tenuti dai Templari cadono uno dopo l'altro, sotto l'incalzare delle preponderanti forze reali ma, soprattutto, per evitare di versare sangue cristiano. Il re concede a Ramon di restare a Miravet, ma il precettore, condotto dapprima a Lerida e poi a Barcellona, chiede al papa l'autorizzazione a rientrare al Mas Déu, per condividere la sorte dei suoi confratelli.

Il 20 gennaio 1310, il Precettore di Mas Déu compare di fronte alla commissione che deve giudicare i Templari. Dopo aver esortato i propri confratelli a dire soltanto la verità, declina le proprie generalità: «Mi chiamo Ramon Sa Guardia, cavaliere, precettore della casa di Mas Déu dell'Ordine della Cavalleria del Tempio, nella diocesi di Elne»; dopodichè rispose alle domande postegli dagli inquisitori.Alla prima domanda: «Anche se l'Ordine del Tempio sostiene di essere stato santamente istituito ed approvato dalla Sede Apostolica, tuttavia ogni membro, al momento della ricezione, o poco dopo, e non appena riesce a trovare un modo, nega il Cristo, a volte il crocifisso, Gesù, Dio, la Madonna e tutti i santi di Dio, secondo le istruzioni o gli ordini di coloro che lo hanno ricevuto» - Ramon risponde: «Tutti questi crimini sono orribili e straordinariamente spaventevoli e diabolici».D: «Non si dice che Cristo è il falso profeta?»R: «Io non credo di poter essere salvato, se non per il Signore nostro Gesù Cristo, che è la vera salvezza di tutti i fedeli, che ha sofferto la passione per la redenzione del genere umano e per i nostri peccati, e non per i suoi, perché non ha mai peccato e la sua bocca non mentiva mai».D: «Non si sputa forse sulla croce e non la si calpesta sotto i piedi?»R: «Giammai! E' per onorare e glorificare la santissima croce di Cristo e la passione che Cristo si è degnato di soffrire sul suo gloriosissimo corpo, per me e per tutti i fedeli cristiani, che io indosso, così come gli altri fratelli cavalieri del mio ordine, un mantello bianco su cui è cucita e fissata la venerabile immagine di una croce rossa, in sempiterna memoria del sacro sangue che Gesù Cristo ha versato per i suoi seguaci e per noi sul legno della croce che dà la vita. E aggiungo che, ogni anno, il giorno del Venerdì Santo, i Templari vengono senza armi, testa e piedi nudi, per adorare la croce, in ginocchio davanti a lei. E questo è ciò che, ogni anno, tutti i fratelli dell'Ordine, in occasione delle due feste della Santa Croce, in maggio e settembre, dicono: Noi ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo, Tu che con la tua santa croce hai redento il mondo».
All'ennesima domanda riguardante la corruzione dei costumi, di cui l'ordine è stato accusato, Ramon ribatte con la massima energia: «Secondo gli statuti del Tempio, quello dei nostri fratelli che commettesse un peccato contro natura, perderebbe l'abito del nostro ordine; i ferri ai piedi, la catena al collo e con le manette ai polsi, egli verrebbe gettato in prigione in perpetuo, nutrito dal pane della tristezza e abbeverato dell'acqua della tribolazione per il resto della sua vita».Circa il proprio ricevimento nell'Ordine, precisa: «E' stato il fratello Pierre de Moncada, allora maestro e precettore in Aragona e Catalogna, che mi ha accolto come un fratello dell'Ordine del Tempio, nella cappella della casa di Saragozza, la domenica dopo la festa di San Martino, e sono circa 35 anni, in presenza e con l'assistenza di Guillaume de Miravet, di G. de Montesquiou, di Arnald de Timor, di Raimond di Monpavo, frati del Tempio, e diversi altri fratelli dello stesso ordine ora deceduti».

Nel marzo del 1314, il procuratore del re di Majorca, su ordine dell'arcivescovo di Tarragona, il quale assolve i Templari da tutti i crimini imputati, stabilisce che Ramon Sa Guardia possa risiedere a vita al Mas Déu, usufruendo, insieme ai suoi compagni, dei prodotti agricoli e del legname, senza però farne commercio. A partire dal mese di ottobre, viene fissata l'assegnazione di una somma di denaro, da corrispondere, ogni quattro mesi, a beneficio di tutti i Templari residenti nella ex-precettoria. Un censimento priorale, redatto dai giovanniti nel novembre 1319, conferma che al Mas Déu vivono sedici frati, ai quali viene corrisposta una pensione.Ramon Sa Guardia morì certamente nel primo semestre del 1320, non figurando in un documento datato 13 giugno di quell'anno, in cui nove Templari superstiti danno quietanza di quanto loro corrisposto. E' questo l'ultimo atto in cui compaiono i fratelli di Mas Déu.

Pubblicato da Tradizione Templare il 9.11.13

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi