AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Twal: Venite in Terrasanta per sostenere i cristiani - da

CHIESA

Twal: Venite in Terrasanta per sostenere i cristiani - da

07/06/2011

Intervista a Mons. Fouad Twal, Patriarca di Gerusalemme dei Latini.


di Alessandra Nucci 07-06-2011


“Agli italiani e al mondo dico: quando venite in Terrasanta, non limitatevi a visitare i luoghi sacri, venite a trovare le pietre vive: i fedeli cristiani che formano la Chiesa vivente di oggi: dite loro che non sono soli. Fate sentire che i loro fratelli nel mondo li pensano, pregano per loro.”

 

A questo appello ha dato voce Mons. Fouad Twal, il Patriarca di Gerusalemme dei Latini, presente alla convocazione nazionale a Rimini del Rinnovamento nello Spirito Santo, il movimento dei fedeli laici che è impegnato nella costruzione di un Centro internazionale mariano a Gerusalemme, intitolato alla Santa Famiglia di Nazareth, voluto dal Beato Giovanni Paolo II.

 

Dal palco del Rinnovamento mons. Twal abbraccia idealmente il mondo e dice “Voi tutti siete miei parrocchiani: Gerusalemme è la vostra Madre Chiesa! È lì che si trovano le vostre radici. E per questo dico che è dovere morale vostro, e dei cristiani tutti, di venire a dire ai vostri fratelli in Terrasanta che non li avete abbandonati.”

 

Il prelato, che è esperto del Medio Oriente anche per essere stato arcivescovo di Tunisi per 13 anni, fornisce una finestra sul Medio Oriente, visto dall’ottica dei cristiani di Terrasanta. “Siamo nella violenza da 60 anni - esordisce Mons. Twal - e in tutto questo tempo non siamo riusciti a trovare una soluzione. Ciò significa che abbiamo sbagliato, e che non c’era la buona volontà di por termine al conflitto, solo la volontà di continuarlo. Noi vogliamo la pace, una vita normale. Non dei privilegi. E vogliamo anche noi poter visitare senza timore i luoghi sacri della Terrasanta.”

 

 

Eccellenza, lei è stato è stato a lungo Presidente della Conferenza episcopale del Nord Africa, che opinione si è fatto della rivoluzioni in Egitto e Tunisia…?
È un movimento di ribellione che non ha colore politico. Non c’è un grido contro il sionismo o l’imperialismo. Sono solo giovani che chiedono un lavoro e una vita normale. È un movimento che ha il potenziale di arrivare dappertutto.

 

L’Egitto è un paese chiave per i rapporti dei paesi arabi con Israele.
Sì, per questo bisogna fare dei passi concreti.

 

Ad esempio?
Togliere i “checkpoint” (posti di controllo, ndr). Creare due Stati. Sappiamo di essere condannati a vivere fianco a fianco, pertanto sarà meglio essere buoni amici piuttosto che nemici per sempre. Occorre lavorare per creare una cultura di pace e collaborazione.

È un messaggio per Israele, dunque.
È un messaggio per tutti, ma i checkpoint sono di Israele. E Israele deve avere il coraggio di toglierli, per permetterci di raggiungere i luoghi sacri. È triste vedere che gruppi dall’estero, dall’Italia, dagli Usa, da dovunque, possono andare nei luoghi sacri, ma non ci può andare la gente di qui, quelli che vivono nella porta accanto, Ramallah, Hebron… . Quando preghiamo per la pace non preghiamo per un popolo e non per l’altro. Ma per giungere alla pace occorrono, ripeto, passi concreti. Abbiamo bisogno di pace per tutti. Nell’ultimo Sinodo, il 1 ottobre, i patriarchi del Medio Oriente, 185 vescovi, hanno condannato ogni forma di violenza. Noi siamo cristiani e crediamo ancora nel comandamento che ingiunge di amare il prossimo.


Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi