AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » STA PER ARRIVARE SUL GRANDE SCHERMO ''CRISTIADA'' IL FILM CHE RICORDA QUANDO IN MESSICO CERCARONO DI DISTRUGGERE LA CHIESA

CULTURA

STA PER ARRIVARE SUL GRANDE SCHERMO ''CRISTIADA'' IL FILM CHE RICORDA QUANDO IN MESSICO CERCARONO DI DISTRUGGERE LA CHIESA

06/10/2011

Dal 1926 al 1929 la grande epopea dei Cristeros che difesero, armi in pugno, la popolazione inerme che veniva sterminata con freddezza in un bagno di sangue indescrivibile

 di Andrea Galli


Se il Kulturkampf - inteso come lotta delle élite liberali contro la Chiesa - è un fenomeno che riguarda ampie zone dell'Europa e dell'America Latina tra '800 e primo '900, è nel Messico degli anni '20 del secolo scorso che raggiunge il culmine. Nel 1924 diventa presidente del Paese Plutarco Elias Calles, che, come scrive Jean Meyer, il massimo storico di quelle vicende, «animato da un odio mortale per la Chiesa» si appresta a combatterla con determinazione e piglio «apocalittici». Nel 1926 imprime una stretta draconiana alla libertà di culto. Il popolo, religiosissimo, scende nelle piazze. Poi, di fronte alla repressione, alle fucilazioni e alle impiccagioni prende le armi e ingaggia uno scontro frontale con le truppe federali che si protrae per tre anni. L'esercito cristero, che vede fianco a fianco ricchi proprietari terrieri e campesinos, arriva vicino alla vittoria, fino a quando giunge da Roma l'ordine di deporre le armi e di piegarsi all'armistizio. Una decisione che se da un lato risolve lo "scandalo" di una Chiesa belligerante e getta le basi per un lento e difficilissimo recupero del rapporto con le autorità statali, dall'altro viene vissuto da moltissimi cristeros come un'ingiustizia. Lascerà mano libera ai federali per un regolamento di conti villaggio per villaggio, con un bagno di sangue.
L'annunciano come la più grande produzione del cinema messicano. E si presenta con qualifiche di tutto rispetto. Conclusa la fase di post-produzione, l'uscita nelle sale americane è prevista dopo l'estate, ma non è stata ancora ufficializzata la data. Il film mescola tragedia ed epopea. Martirio e fanatismo. E racconta una storia "eccessiva" che si è svolta sotto il segno di un luciferino furore e di una devozione radicale, viscerale per Cristo Re e la Vergine di Guadalupe. Una vicenda rimasta viva a lungo, come una ferita aperta, ma schivata, se non proprio ignorata, da tanta storiografia.
Cristiada vede il debutto alla regia di Dean Wright, un talento degli effetti speciali, conosciuto soprattutto per il suo lavoro nel secondo e terzo episodio della trilogia de Il signore degli anelli (con un Oscar vinto per Il ritorno del Re) e ne Le cronache di Narnia. Oltre alla regia di Dean Wright e alla colonna sonora di James Horner (Braveheart, Titanic e Avatar), il film annovera nel cast Andy Garcia, Eva Longoria, Peter O'Toole, volti emergenti come Eduardo Verastegui (Bella), Oscar Isaac (Robin Hood di Ridley Scott), Catalina Sandino (Maria full of Grace, L'amore ai tempi del colera, Twilight/Eclipse) e nomi Ruben Blades, cantante di salsa e attore panamense di primissimo piano.
La trama ruota attorno ad alcuni dei principali protagonisti storici di quegli anni. Come Anacleto González Flores, avvocato e difensore dei diritti civili dei cattolici, torturato e ucciso dagli uomini di Calles, beatificato nel 2005 (impersonificato da Eduardo Verastegui); Enrique Gorostieta Velarde (rappresentato da Andy Garcia), uomo d'armi non credente, a cui venne chiesto di mettere la sua esperienza a servizio della causa dei cristeros, divenendone presto il formidabile leader militare; José Sanchez Del Rio, arruolatosi poco più che bambino, catturato dai federali, seviziato e fucilato all'età di 15 anni per aver rifiutato di gridare «morte a Cristo Re!». Anche lui beatificato nel 2005. Dean Wright – come ha detto in un'intervista all'agenzia di stampa cattolica Aciprensa – si augura che il film «ispiri la difesa della libertà religiosa, attraverso la testimonianza di persone che furono disposte a sacrificare la vita per essa». Se sarà anche all'altezza, artisticamente, del curriculum di attori, sceneggiatori e regista, il risultato è assicurato.

 

Nota di BastaBugie:

Per vedere lo stupendo trailer e altri filmati vai a
www.filmgarantiti.splinder.com/tag/2012+cristiada

Fonte: Avvenire, 17/04/2011
Pubblicato su BASTABUGIE n.211

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi