AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Santa Sede - FSSPX. Dichiarazione dottrinale sottoscritta da Mons. Fellay il 15 aprile

TRADIZIONE CATTOLICA

Santa Sede - FSSPX. Dichiarazione dottrinale sottoscritta da Mons. Fellay il 15 aprile

23/06/2012

da "Chiesa e post Concilio"

Sono per me giorni di altri problemi in prima linea e non avevo avuto il tempo di ascoltare tutta la conferenza di don Pfluger del 5 giugno. Oggi trovo questo articolo su Riposte Catholique, che tira di nuovo in ballo la questione. Ne riprendo il testo, ma ritengo molto interessante sia preceduto dall'intera dichiarazione - di cui il blog francese cita solo una parte - tradotta in tandem con Luisa, che ringrazio di vero cuore anche per la sua bella condivisione. Diffonderne la conoscenza dimostra quanto già sottolineato in precedenza, e cioè che, se qualche intoppo c'è stato, in base all'accaduto che emerge dai comunicati del 13 e 14 giugno, non è dipeso dalla chiara e decisa buona volontà della Fraternità, che non dice niente di più né di meno di quanto possa pensare e dichiarare ogni cattolico che ama la Chiesa e la Tradizione. Le dichiarazioni di don Pfluger ci dicono due cose significative:

1.la comunicazione interna nell'ambito della Fraternità per mettere tutti al corrente dello status quaestionis, c'è stata ed era tale da poter fugare ogni diffidenza che non fosse incaponimento su posizioni estreme del tipo di esser tra coloro che hanno trasformato il concilio in super-eresia da mettere sullo stesso piano di coloro che l'hanno trasformato in super-dogma.
2.che su questo testo il Papa è d'accordo; il che sembrerebbe tuttavia smentito dal comunicato della Curia del 13 successivo...
Si consiglia a chi voglia approfondire, l'ascolto dell'intera conferenza su Gloria.tv.


Dichiarazione dottrinale del 15 aprile 2012
(secondo le dichiarazioni del p. Pfluger nella Conferenza del 5 giugno scorso)


« Noi promettiamo di essere sempre fedeli alla Chiesa Cattolica ed al Romano Pontefice. Noi dichiariamo di accettare gi insegnamenti del Magistero della Chiesa in materia di fede e di morale.
L'intera tradizione della fede cattolica deve essere il criterio e la guida di comprensione degli insegnamenti del concilio Vaticano II, il quale a sua volta illumina certi aspetti della vita e della dottrina della chiesa, implicitamente presenti in essa, non ancora formulati. Le affermazioni del Concilio Vaticano II e del Magistero Pontificio posteriore in ordine alla relazione tra la chiesa cattolica e le confessioni cristiane non-cattoliche devono essere comprese alla luce della Tradizione intera e ininterrotta in modo coerente con la verità precedentemente insegnata dal Magistero della Chiesa.
E dunque per questo motivo è lecito promuovere, attraverso una legittima discussione, lo studio e la spiegazione di formulazioni del concilio Vaticano II e del Magistero che è seguito, nel caso in cui non sembrino conciliabili col Magistero anteriore della Chiesa ».

 

--------------------------------------------------------------------------------

Testo di Riposte Catholique:
Malgrado il segreto molto ben custodito sulle negoziazioni tra Roma e la FSSPX, e qualunque siano i loro nuovi sviluppi episodi classici « dell'ultimo minuto » in questo genere di questioni e che logorano (che sono destinati a logorare? ) i nervi, si conosce ormai l'essenziale della Dichiarazione dottrinale firmata da Mgr Fellay il 15 aprile 2012 che deve formare la base del riconoscimento canonico dell'opera di Mons. Lefebvre sotto la forma di una Prelatura personale.


Infatti, nella sua conferenza di martedì 5 giugno 2012, presso la scuola St-Joseph-des-Carmes, padre Pfluger, primo assistente del Superiore generale della Fraternità San Pio X, ha in sostanza dato i principali elementi di questa Dichiarazione che - non è più un segreto per nessuno - la Commissione Ecclesia Dei ha stimato completamente soddisfacente immediatamente. I termini agili di Mgr Fellay essendo destinati ad essere ricevuti dai suoi interlocutori, pur conservando la linea ferma di Mons. Lefebvre. Una ripresa molto intelligente, tutto sommato, della Formula di adesione del 1988.


Sull'essenziale, secondo la testimonianza del primo assistente, Mons. Fellay ha dunque dichiarato e sottoscritto a proposito dei punti che creano difficoltà sul Concilio e la nuova liturgia che :


« l'intera tradizione della fede cattolica deve essere il criterio e la guida di comprensione degli insegnamenti del concilio Vaticano II, il quale a sua volta illumina certi aspetti della vita e della dottrina della chiesa, implicitamente presenti in essa, non ancora formulati. Le affermazioni del Concilio Vaticano II e del Magistero Pontificio posteriore in ordine alla relazione tra la chiesa cattolica e le confessioni cristiane non-cattoliche devono essere compresi alla luce della Tradizione intera ».


Di che soddisfare sia la Commissione Ecclesia Dei che coloro che avevano timori all'interno della FSSPX.

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi