AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Quella coppia di sposi che bussa alle porte del sinodo

ATTUALITA'

Quella coppia di sposi che bussa alle porte del sinodo

09/10/2014

Ludmila e Stanislaw Grygiel insegnano nell'istituto pontificio di studi sulla famiglia creato da papa Karol Wojtyla, loro amico di una vita. Non sono stati invitati. Ma avevano molto da dire ai padri sinodali. E l'hanno detto. Con chiarezza e coraggio

 

di Sandro Magister

 


ROMA, 9 ottobre 2014 – Un sinodo "aperto" come si invoca da ogni parte, a cominciare da papa Francesco, è un sinodo pronto ad ascoltare anche le voci che gli arrivano da fuori, tanto più se da persone competenti.

Subito alla vigilia del sinodo, a far da ponte autorevole tra dentro e fuori le sue mura è stata l'assemblea plenaria tenuta a Roma dal 2 al 4 ottobre dal "Consilium Conferentiarum Episcoporum Europæ".

L'assemblea era direttamente proiettata sul sinodo, fin dal suo titolo: "La famiglia e il futuro dell'Europa".

Tra gli oratori c'erano padri sinodali di primo piano come il cardinale ungherese Péter Erdõ, presidente del CCEE e relatore generale al sinodo, il cardinale canadese Marc Ouellet, prefetto della congregazione per i vescovi, il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della conferenza episcopale italiana, e sua beatitudine Fouad Twal, patriarca latino di Gerusalemme.

Ma soprattutto c'era una coppia di sposi filosofi, Ludmila e Stanislaw Grygiel, polacchi, amici fin dalla giovinezza di Karol Wojtyla sacerdote, vescovo e papa, entrambi docenti al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia.

L'Istituto è stato creato da papa Wojtyla nel 1982, due anni dopo un sinodo dedicato anch'esso alla famiglia e un anno dopo l'esortazione apostolica "Familiaris consortio" che gli aveva dato attuazione.

Con sede centrale a Roma presso la Pontificia Università Lateranense, l'Istituto ha sezioni in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Spagna, dal Brasile alla Germania, dal Messico all'India, dal Benin alle Filippine, con un crescente numero di studenti e studentesse.

Tra i suoi presidi e docenti ha avuto i cardinali Carlo Caffarra, Angelo Scola, Marc Ouellet.

Nell'imminenza del sinodo di questo ottobre l'Istituto ha prodotto una gamma notevole di contributi. L'ultimo, dal titolo "Il Vangelo della famiglia nel dibattito sinodale. Oltre la proposta del cardinale Kasper", è uscito contemporaneamente in Italia edito da Cantagalli, negli Stati Uniti edito da Ignatius Press, in Spagna edito da Biblioteca de Autores Cristianos e in Germania edito da Media Maria Verlag.

Ne sono autori il teologo spagnolo Juan José Pérez-Soba e l'antropologo tedesco Stephan Kampowski, entrambi professori presso la sede romana dell'Istituto.

Ne ha scritto la prefazione il cardinale australiano George Pell, uno degli otto porporati che assistono papa Francesco nella riforma della curia e nel governo della Chiesa. Il 3 ottobre Pell ha anche presentato il libro al pubblico, nella sede dell'Istituto.

Insomma, è difficile trovare oggi nella Chiesa cattolica un istituto di studi filosofici, teologici e pastorali più autorevole e competente di questo, sui temi del matrimonio e della famiglia.

Eppure l'incredibile è avvenuto. Nessuno dei docenti di questo Istituto pontificio è stato chiamato a prendere la parola nel sinodo sulla famiglia che si è aperto il 5 ottobre e si chiuderà il 19.

Un motivo in più per riascoltare ciò che hanno detto Ludmila e Stanislaw Grygiel nell'assemblea presinodale promossa dal consiglio delle conferenze episcopali d'Europa.

Ecco qui di seguito un estratto dei loro interventi, argomentati e pronunciati con la "parresìa", ovvero con la franchezza, la chiarezza, il coraggio, l'umiltà che papa Francesco ha raccomandato a tutti, in questo sinodo.

 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi