AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Pio XII, più storia e meno leggenda in attesa degli archivi

SOMMO PONTEFICE

Pio XII, più storia e meno leggenda in attesa degli archivi

03/10/2014

La conferenza internazionale organizzata a Roma dall'università Marconi: sono caduti i miti sul Papa «filonazista», viene sempre più riconosciuta la sua azione in favore degli ebrei. Ma restano questioni ancora aperte: la risposta nelle carte che il Vaticano renderà disponibili entro qualche mese

 

ANDREA TORNIELLI
Città del Vaticano

 

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando, tre lustri fa, un libro oggi screditato definiva Eugenio Pacelli «il Papa di Hitler». Quel volume di John Cornwell rappresentò l'apice di una leggenda nera su Pio XII e i suoi «silenzi» sulla Shoah, ma in un certo senso anche l'inizio del suo declino. Nonostante il rischio sempre presente di contrapporre alla leggenda nera una leggenda rosa apologetica, che si rifiuta di affrontare la complessità dei problemi, in questi anni il confronto fra gli storici si è rasserenato e le ricerche d'archivio hanno permesso di ricostruire un quadro meno parziale e ideologico su quelle vicende.

 

In questo percorso - passato attraverso il workshop internazionale su Pio XII tenutosi allo Yad Vashem di Gerusalemme nel 2009, e il confronto a porte chiuse tra studiosi alla Sorbona di Parigi nel 2012 - si colloca la conferenza internazionale che si è svolta ieri a Roma, organizzata dall'università Guglielmo Marconi e coordinata dal professor Matteo Luigi Napolitano. Una intensa giornata di lavori, ruotata attorno a quattro relazioni centrali quella di Andrea Riccardi, sulla Chiesa italiana durante la guerra; quella di Anna Foa, su la Chiesa e gli ebrei; quella di Limore Yagil, sulla Chiesa cattolica e il salvataggio degli ebrei francesi nell'era di Vichy e infine quella di Napolitano sulla diplomazia vaticana durante il conflitto. Ogni intervento è stato discusso da studiosi venuti da vari Paesi.

 

La conferenza ha fatto il punto sulle ricerche su Pio XII ormai alla vigilia dell'apertura degli archivi vaticani - l'Archivio Segreto e l'Archivio dei Rapporti con gli Stati - che si attende nei prossimi mesi almeno per i documenti relativi agli anni della Seconda guerra mondiale. Da qui dovranno venire alcune risposte - come ha sottolineato Anna Foa - su alcune questioni, come per esempio il ruolo giocato dal Papa e dalla Segreteria di Stato nei giorni drammatici della razzia degli ebrei nel ghetto di Roma, nell'ottobre 1943, come pure nell'atteggiamento della Santa Sede sulle leggi razziali.

 

Nell'introdurre i lavori del convegno, il professor Édouard Husson (già vicecancelliere della Sorbona), il quale ha osservato che «solo in pochi tra i contemporanei hanno compreso la centralità della persecuzione antiebraica nel nazismo: secondo me Pio XII è tra questi». Riccardi ha parlato del rapporto del Papa con Roma e ha presentato la realtà del Vaticano e della Curia romana nella sua complessità, facendo comprendere come il Papa non fosse «un uomo solo al comando». C'era infatti un acceso dibattito interno sull'atteggiamento da tenere nei frangenti terribili della guerra e soprattutto dopo l'arrivo dei tedeschi a Roma nel 1943. E già allora, dentro la curia, c'era chi auspicava da parte del Papa una presa di posizione pubblica e forte in difesa dei perseguitati, come per esempio il maestro delle cerimonie pontificie Respighi che scrive in proposito una lettera al Segretario di Stato Maglione.

 

Riccardi ha fatto notare come purtroppo l'apertura degli archivi arrivi sempre tardivamente rispetto all'impostazione del dibattito storiografico, che viene impostato su basi parziali prima che i documenti siano disponibili. Ed è molto difficile, poi, modificare l'impostazione di partenza, che nel caso di Pio XII è decisamente sfavorevole al Papa, ma per motivi che spesso hanno poco a che fare con la storia. Riccardi ha quindi parlato della «leadership pubblica della Chiesa italiana», che cresce con Pio XII. Lo storico ha fatto notare l'importanza dei messaggi cifrati contenuti nei discorsi pubblici del Papa, che contenevano indicazioni piuttosto chiare per il mondo cattolico. Nel radiomessaggio del Natale 1943, quando Papa Pacelli ancora una volta esorta a prestare soccorso a chi è nel bisogno, usa la parola «randagi» per definire i perseguitati. E monsignor Ronca, esponente del «partito romano» curiale, annota: dopo questo discorso non ci sono dubbi che i sacerdoti devono prendere sotto la propria protezione tutti, e la Chiesa assume la protezione di tutti anche quando ci sono rischi. Il Papa diventa il defensor civitatis - ha concluso Riccardi - e l'attività diplomatica serve per coprire un'attività clandestina di aiuto e di soccorso a tutti, che nasceva dal basso ed era sostenuta e supportata dal Pontefice.

 

La storica Anna Foa ha ripercorso l'origine della leggenda nera, ritenendola «ancora più viva che mai, soprattutto nel grande pubblico» e notando come le «innumerevoli testimonianze sull'ampiezza dell’accoglienza ecclesiastica agli ebrei non riescano a modificarla». C'è poi leggenda rosa, «che nasce tra gli ebrei, mentre quella nera nasce tra i cattolici. Non è un paradosso. Nel 1945 appare evidente agli ebrei l’apporto della Santa Sede alla salvezza dei loro fratelli. Per contro nel mondo cristiano il problema non era quanti ebrei siano stati salvati o quanti avrebbero potuto, ma il suo ruolo di magistero universale e il problema dei silenzi nella Chiesa». In effetti i primi a parlare dei silenzi del Papa, saranno proprio i cattolici francesi.

 

Tra i problemi che si spera trovino risposta nell'apertura degli archivi, Anna Foa ha segnalato il piano delle organizzazioni internazionali ebraiche di spostare al sud Italia tutti gli ebrei presenti nel Paese per salvarli da una probabile invasione nazista». Un progetto che si arenò. «Nei ritardi provocati dalla Chiesa o nelle secche del disinteresse di Badoglio?», si è chiesta la studiosa.

 

Anna Foa ha anche chiesto che si studi il tema complesso delle «responsabilità dei capi della comunità ebraica» nella mancata organizzazione della fuga, come suggerito dal rabbino Zolli e come invece avvenne, per esempio a Firenze. E questo studio, ha precisato, va compiuto «senza giustizialismi ma anche senza carità di patria».

 

 

Ha preso quindi la parola Limore Yagil, che sta compiendo uno studio approfondito su diversi archivi, e ha ricostruito quanto aiuto venne dalle diocesi agli ebrei perseguitati. E secondo quando è stato annunciato nel corso della conferenza di ieri nelle carte degli archivi vaticani esistono ulteriori conferme di questa capillare attività della Chiesa francese sostenuta dalla Santa Sede.

 

Infine, Matteo Luigi Napolitano ha fatto notare come la Santa Sede sia un «soggetto di diritto internazionale, ma è anche una comunità di fedeli sparsi per il mondo. Ed è anche un’entità che si occupa di diritti e di doveri dell’uomo. Già negli anni Trenta e Quaranta, la Santa Sede si occupa di qualcosa che la comunità internazionale doveva ancora conoscere a livello istituzionale: i diritti dell’uomo che partono dai diritti naturali delle persone, diritto di esistere, vivere, avere una dignità indipendentemente da razza, religione, credo. La persona ha rilevanza internazionale, dal punto di vista del trattamento della sua vita, della sua esistenza, della sua dignità».

 

 

Questo ha determinato, ha continuato lo studioso, l'approccio differente tra il Vaticano e gli Alleati: «Per i nemici dell’Asse, la vittoria della guerra è prioritaria: prima si vince, poi si pensa a quanti soffrono, che certamente sono importanti, hanno una implicita rilevanza anche perché c’è un’opinione pubblica mondiale che guarda queste cose. La priorità però è debellare la Germania e i suoi alleati», mentre per la Santa Sede la salvezza delle vite umane è la priorità.

 

«Farsi contemporanei di Pio XII è il modo migliore per capire il suo mondo - ha detto ancora Napolitano - Per esempio, anche la sua elezione costituisce una vittoria per le democrazie, perché il ruolo diplomatico di Pio XII è utile alle democrazie, mentre si avvicina un possibile conflitto».

 

 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi