AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » PELLEGRINAGGIO DEL COETUS INTERNATIONALIS SUMMORUM PONTIFICUM

TRADIZIONE CATTOLICA

PELLEGRINAGGIO DEL COETUS INTERNATIONALIS SUMMORUM PONTIFICUM

08/11/2013

I messaggi pontifici a confronto per il primo ed il secondo pellegrinaggio

 

 

di Sandro Magister

Come nel 2012, anche quest’anno il Coetus Internationalis Summorum Pontificum ha organizzato un pellegrinaggio a Roma che ha avuto come momento culminante la messa celebrata in San Pietro secondo il messale preconciliare, cui Benedetto XVI ha dato piena cittadinanza nella Chiesa definendolo come forma "straordinaria" dell’unico rito romano.

Anche questa volta la messa cosiddetta tridentina è stata celebrata da un cardinale. Lo scorso anno, il 3 novembre, fu lo spagnolo Antonio Cañizares Llovera, prefetto della congregazione per il culto divino. Quest’anno, il 26 ottobre, è stato il colombiano Darío Castrillón Hoyos, già prefetto della congregazione per il clero e già presidente della pontificia commissione "Ecclesia Dei", l’organismo vaticano che segue i gruppi legati alla messa antica.

Inoltre, anche quest’anno al cardinale celebrante è pervenuto un messaggio scritto a nome del papa dal segretario di Stato vaticano.

Nel 2012 il testo per conto di Benedetto XVI era stato firmato dal cardinale Tarcisio Bertone, quest’anno il messaggio di papa Francesco ha portato la firma dell’arcivescovo Pietro Parolin.

Due messaggi quindi dello stesso rango. E questa è stata una notizia consolante per gli amanti della messa tridentina che fanno parte a pieno titolo della Chiesa cattolica (al contrario dei lefebvriani sui quali non grava più la scomunica ma che permangono in pratica sospesi "a divinis").

Si poteva temere infatti che papa Bergoglio, che non sembra avere la stessa sensibilità liturgica del predecessore, ignorasse il pellegrinaggio. Ma così non è stato.

I due messaggi sono comunque differenti nella lunghezza e nei contenuti.

Più ampio e puntuale il testo preparato lo scorso anno sotto Benedetto XVI, con riferimenti specifici sia al fatto che sia "buono conservare le ricchezze" delle forme liturgiche precedenti, sia alla necessità "di riconoscere pienamente il valore e la santità della forma ordinaria del rito romano".

Più stringato e senza riferimenti specifici al rito ordinario o straordinario quello di quest’anno, dove si auspica semplicemente che il pellegrinaggio "susciti fervida adesione a Cristo, celebrato nell’eucaristia e nel culto pubblico della Chiesa, e doni rinnovato slancio alla testimonianza evangelica".

C’è da aggiungere però che quest’anno papa Francesco, pochi giorni dopo la messa tridentina in San Pietro, ha anche ricevuto in udienza, il 31 ottobre, il cardinale Castrillón Hoyos che l’ha celebrata.

 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi