AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Non è un' Europa da Papa di Alcide Gonella da

EUROPA

Non è un' Europa da Papa di Alcide Gonella da

22/04/2011

Perché il Vaticano prende le distanze dalla Ue.

Ormai per il Vaticano l’Europa è una forte delusione. Le parole dei cardinali Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano, e Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, sulle posizioni espresse da Bruxelles sulla vicenda profughi non lasciano alcun dubbio. Se non bastasse, il quotidiano dei vescovi italiani Avvenire ha scritto come il Vecchio Continente, o meglio le sue istituzioni, facciano vergognare.
BRUXELLES AIUTI L'ITALIA. Il segretario di Stato vaticano ha lanciato l’appello perché Bruxelles non lasci sola l’Italia nella gestione profughi; parole analoghe sono venute dai Presuli lombardi che in un loro documento hanno indicato come bene abbia fatto l’Italia a chiedere il concerto delle altre nazioni europee per risolvere il dramma dell’arrivo dei migranti dal Nord Africa.
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la personalità italiana più in sintonia attualmente con i palazzi di Oltretevere, da Praga ha sottolineato come le parole di Bertone e Bagnasco siano «altamente apprezzabili».
Il giudizio vaticano va oltre la gestione dell’emergenza da parte dell’Italia. È una valutazione, amara, sul cambiamento di passo che da tempo ha intrapreso l’Europa.

Il ricordo dei padri dell'Europa
(© Getty Images) Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.
Sono lontani i tempi della solidarietà europea proclamata e tenacemente voluta, all’epoca della Ceca, Comunità europea carbone e acciaio, dai tre padri dell’Unione, non a caso tutti e tre figure esemplari di cattolici: Alcide De Gasperi per l’Italia, Robert Schuman per la Francia e Konrad Adenauer per la Germania.
Echi che si sono dispersi dopo la scomparsa dalle scene delle grandi figure del post '89 come Helmut Kohl, Jacques Delors e Giulio Andreotti che ancora presentavano un’idealità che nel mentre ha lasciato spazio al puro e semplice tecnicismo.
Il campanello d’allarme per il Vaticano, o meglio la conferma di un’aria cambiata, si era avuta con la richiesta dell’inserimento delle radici giudaico-cristiane nella Carta fondamentale europea, proposta sdegnosamente rimandata indietro.
L’Europa, agli occhi del Vaticano, non ha più l’immagine di unione non solo dei commerci, ma dei popoli. Emerge sempre più l’aspetto arido e privo di contenuti oltre che di leadership. Sempre più cascano all’occhio le contraddizioni e le non decisioni proprio a causa di un’assenza di idem sentire.
MALUMORI VATICANI. Tutto questo considerando la presenza ai vertici, in due delle tre posizioni chiave, di personalità che non nascondono la loro fedeltà alla Chiesa di Roma: José Barroso, presidente della Commissione europea e Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo. La loro voce è stata troppo fioca di fronte alle stragi di cristiani ad Alessandria d’Egitto. Senza dimenticare l’assenza d’iniziativa da parte del ministro degli Esteri Ue, la già più che criticata baronessa Catherine Ashton.
Ora, di fronte all’emergenza profughi del Nord Africa e di fronte alle chiusure di Francia e Germania (specie quella Francia che per prima ha capeggiato le azioni militari contro la Libia) e degli stessi membri della Commissione preposti a gestire l’emergenza con l’Italia la Chiesa di Roma e con lei gli organi d’informazione a lei vicini hanno avuto la conferma che ormai l’Europa politica è ben lontana dagli ideali sui quali era nata.
Una delusione troppo forte per il Vaticano.

Venerdì, 22 Aprile 2011


 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi