AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Nanni Moretti: Habemus ...

CULTURA

Nanni Moretti: Habemus ...

21/04/2011

Da "Il Giornale" del 21.4.2011: "Cucù", rubriica di Marcello Veneziani

Non stracciamoci le vesti per "Habemus pippam"
di Marcello Veneziani
Nanni Moretti ha ragione: prima di cri­ticare il film, cari prelati, andate a ve­derlo. Così vi convincerete, aggiungo io, che non vale la pena far pubblicità a un film modesto e innocuo.Non c’è odio an­ticlericale in Habemus papam , ha ragio­ne Messori, non c’è nulla di offensivo nei confronti del Papa, come figura e come persona. Anzi, l’idea originaria è buona: un papa che si sente inadeguato e sfugge al suo ruolo. La trama è intrisa dei quar­tieri attigui al Vaticano, è figlia di santa romanesca chiesa, molto sanpietrina.

L’ateismo di Moretti non prevarica e non offende. I cardinali morettiani non sono avvolti in trame oscure ma in una specie di infanzia senile, imbalsamata e un po’ depressa. E non fanno girotondi. Però il film s’ammoscia, s’attorciglia, via via che procede diventa loffio. A un certo punto esce pure dalla traccia del tema: il papa-protagonista scompare in modo improbabile e al suo posto occupa il cen­tro della scena il solito Nannimoretti che si avvita in un campionato di pallavo­lo per cardinali che all’inizio diverte ma poi annoia. Come è floscia quella trova­ta del Papa che vuol fare l'attore e s’infila in una compagnia teatrale. Il film galleggia in mezzo al Tevere sen­za mai raggiungere né la sponda sacra né la sponda profana, non suscita risate né si solleva alla riflessione esistenziale sulla tragedia di un papa controvoglia.

Però poi vedi Fazio che riceve Moretti co­me il papa del cinema italiano, leggi i giornali salmodianti della sua parroc­chia ideologica, senti l’apoteosi apriori dei militanti del morettismo e ti sembra che sia stata scritta una pagina di storia del cinema e forse della chiesa. E la ma­donna, direbbe Pozzetto; con tutto il ri­spetto. No, Moretti non è «il più bravo» come si ripete lui stesso in scena; a volte fa buoni film, a volte li scrive col livore, ma niente di epocale o di trascendenta­le. A volte è più romanesco de casa, a vol­te è più indignato de sinistra. Moretti era il cognome di un poeta crepuscolare e di un brigatista rosso. Nanni è nel mezzo, a volte tentato dal radicalismo, a volte dal­la malinconia. Questo film non merita la scomunica, al più va ribattezzato, Habe­mus pippam .


 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi