AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » L'INGRESSO ALLE CHIESE DEVE ESSERE GRATUITO

ARCHITETTURA SACRA

L'INGRESSO ALLE CHIESE DEVE ESSERE GRATUITO

14/02/2012

La Conferenza Episcopale Italiana emette una Nota a difesa della libera visita ai luoghi di culto La Cattedrale di Siena, il Duomo di San Gimignano e le altre Cattedrali e Chiese dove si paga il biglietto non rientrano nella norma?

ROMA, martedì, 14 febbraio 2012 (ZENIT.org) – L’accesso alle chiese aperte al culto è e deve rimanere gratuito e libero per tutti. A sostenerlo è una Nota del Consiglio Episcopale Permanente della CEI, in cui si sottolinea che tale principio è “tipico della tradizione italiana” ed è valido in virtù della destinazione primaria delle chiese “alla preghiera comunitaria e personale”.

La regola è vigente sia per le chiese di proprietà ecclesiastica, sia di proprietà statale, o comunque laica. Ne sono coinvolti gli edifici sacri “di grande rilevanza storico-artistica”, caratterizzati da “flussi notevoli di visitatori”. Difatti è “fondamentale” che il turista “percepisca di essere accolto nel luogo sacro e, di conseguenza, si comporti in maniera adeguata e rispettosa”.

La Nota ricorda, inoltre, che l’accesso libero e gratuito alle chiese “è tutelata anche dalle leggi dello Stato”.

Il pagamento di una tariffa, precisa la Nota della CEI, può essere permesso per l’accesso a parti della chiesa “chiaramente distinte” all’interno dell’edificio sacro. Tra queste: la cripta, il tesoro, il battistero, il campanile, il chiostro o una singola cappella.

Da un’indagine condotta lo scorso anno dalla CEI, in tutta Italia sono complessivamente 59 le chiese che impongono l’ingresso a pagamento. Meno raro invece è il ricorso alla scelta di “contingentare il numero di presenze” in caso di afflusso massiccio di turisti, “imponendo una turnazione al fine di assicurare la conservazione e la sicurezza del bene”.

Le comunità cristiane accolgono sempre come “ospiti graditi” tutti coloro che desiderano visitare una chiesa “per pregare, per sostare in silenzio, per ammirare le opere d’arte sacra in esse presenti”, sottolinea la Nota.

Il Consiglio Permanente Episcopale della CEI, infine, ribadisce la necessità di osservare le regole “regole riguardanti l’abbigliamento e lo stile di comportamento e soprattutto il più rigoroso rispetto del silenzio”, per facilitare il raccoglimento. Anche durante le visite turistiche, infatti, le chiese continuano ad essere “case di preghiera”.

Da Zenith

 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi