AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Il “Summorum Pontificum” finalmente tradotto dal latino. Ma con una parola cambiata

TRADIZIONE CATTOLICA

Il “Summorum Pontificum” finalmente tradotto dal latino. Ma con una parola cambiata

12/08/2013

 

 

di Sandro Magister


Che il motu proprio “Summorum Pontificum” col quale Benedetto XVI ha liberalizzato la messa in rito antico abbia molti nemici non è un mistero. Fin dal suo apparire, nel 2007, ha avuto contro la coorte dei liturgisti e ha trovato freddi, se non ostili, una miriade di vescovi.

Anche in curia il boicottaggio si tocca con mano. Per sei anni, fino a pochi giorni fa, nel sito ufficiale della Santa Sede il motu proprio era reperibile solamente in due lingue: la latina del testo originale e l’ungherese.

Ma ora che ferve la polemica in seguito alla proibizione di celebrare la messa in rito antico comminata ai Francescani dell’Immacolata dalla congregazione per il culto divino e da papa Francesco, nel sito del Vaticano il motu proprio compare finalmente anche in italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese e tedesco:

> “Summorum Pontificum”, 7 luglio 2007

Ma all’occhio attento non sfugge che in quattro di queste lingue c’è un punto in cui la traduzione si stacca dal testo originale latino.

Il punto in questione è nell’art. 7, che a sua volta prende le mosse dall’art. 5 § 1.

Il caso affrontato in questi due articoli riguarda le parrocchie in cui esiste stabilmente un gruppo di fedeli attaccato alla messa in rito antico. Il motu proprio “Summorum Pontificum” chiede al parroco di “accogliere volentieri” (”libenter suscipiat”) le richieste di tali fedeli assicurando la celebrazione di tali messe.

Se però uno di questi gruppi di fedeli – specifica l’art. 7 – “non abbia ottenuto soddisfazione alle sue richieste da parte del parroco, ne informi il vescovo diocesano. Il vescovo è vivamente pregato di esaudire il loro desiderio” (”enixe rogatur ut eorum optatum exaudiat”).

E se anche il vescovo “non vuole provvedere per tale celebrazione, la cosa venga riferita alla commissione pontificia ‘Ecclesia Dei’”.

“Non vult”, “non vuole”. Così si legge nell’originale latino, a proposito di quei vescovi che rifiutano di consentire la celebrazione della messa in rito antico.

Ma è qui che interviene la traduzione infedele. Invece che “non vuole”, nella versione italiana del motu proprio il “non vult” è tradotto: “non può”.

E altrettanto avviene nella traduzione spagnola: “Si no puede proveer a esta celebración…”.

Nella traduzione portoghese: “Se não puder dar provisão para tal celebração…”.

E nella traduzione tedesca: “Wenn er für eine Feier dieser Art nicht sorgen kann…”.

Il cambio di parola non è senza effetto. Scrivendo “non vult”, evidentemente il legislatore prevedeva che potessero esserci dei vescovi che avrebbero opposto un volontario rifiuto ad esaudire quei fedeli. E contro questi vescovi ostili si garantiva la possibilità del ricorso all’autorità vaticana.

Cambiando il “non vuole” in “non può”, si prevede invece il ricorso solo nel caso in cui un vescovo fosse impossibilitato ad esaudire le richieste di quei fedeli per cause esterne alla sua volontà. Nel caso in cui il vescovo volesse lui negare il permesso, il motu proprio modificato non dice più nulla.

Oltre tutto, l’art. 7 così modificato rende privo di significato autonomo il successivo art. 8, dedicato appunto al caso di un vescovo “qui vult providere… sed ob varias causas impeditur”, cioè che vuole provvedere ma per varie cause è impedito di farlo.

Meno male che a valere c’è sempre l’originale latino del “Summorum Pontificum”.

E meno male che almeno due sue versioni traducono correttamente il “non vult”.

L’inglese: “If he does not wish to provide for such celebration…”.

E la francese: “S’il ne veut pas pourvoir à cette forme de célébration…”.

*

POST SCRIPTUM – Poco dopo la pubblicazione di questo post ci è stato fatto notare che la versione ufficiale e definitiva in latino del motu proprio “Summorum Pontificum”, pubblicata sugli “Acta Apostolicae Sedis” del 7 settembre 2007 differisce in alcuni punti dalla versione emessa il 7 luglio precedente.

Questo ritardo nella pubblicazione ufficiale del motu proprio era stato definito da Alberto Melloni “la saggia decisione di tenere a bagno maria un testo che sta creando più problemi di quanti non ne risolva”.

In realtà, in quell’intervallo di tempo dovuto ai tempi tecnici di pubblicazione degli “Acta” si apportarono al testo alcune variazioni chiarificatrici, tra le quali un paio riguardavano proprio gli articoli 5 e 7 del motu proprio.

In particolare, nell’articolo 7, all’iniziale “non potest”, non può, riferito al vescovo che non dà corso alle richieste di fedeli amanti della messa in rito antico, si sostituì “non vult”, non vuole.

Questa e altre variazioni apportate al testo iniziale furono segnalate da un articolo di Gianni Cardinale apparso su “Avvenire” il 14 marzo 2008.

Di tutte queste variazioni l’attuale versione italiana del “Summorum Pontificum” tiene conto.

Non però del “non vult”, dove la traduzione italiana è tornata al… rito antico.


Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi