AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » e a proposito dei Radicali... leggete e meditate, fratelli!

MASSONERIA

e a proposito dei Radicali... leggete e meditate, fratelli!

23/02/2012

da "La Bussola Quotidiana". "Chi tocca i radicali muore" di Riccardo Cascioli 13-02-2012; "Storia di un tesoriere" di Danilo Quinto 13-02-2012; "La mia conversione" di Danilo Quinto 13-02-2012. Vogliamo fare uno "scherzo da preti" ai Radicali? Preghiamo per la loro conversione: che fregatura dal loro punto di vista!

Chi tocca i radicali muore

di Riccardo Cascioli13-02-2012


Una lunga militanza ai vertici del Partito radicale, per dieci anni addirittura tesoriere, poi l’incontro che cambia la vita, la conversione e l’addio a Pannella e soci. Ma l’addio ha uno strascico giudiziario, con il Partito che denuncia l’ex tesoriere che a sua volta controaccusa. La vicenda è finita in questi giorni sui giornali e ne parliamo perché riguarda Danilo Quinto, un nostro collaboratore.

Non vogliamo entrare nella vicenda giudiziaria, che riguarda comunque un capitolo chiuso della sua vita: diamo solo la possibilità a Quinto di spiegarla a beneficio dei lettori, così come di raccontare la propria conversione che è poi la chiave di volta per capire tutto il resto. Noi dal canto nostro ci limitiamo a un paio di riflessioni.

Anzitutto è evidente come nella vicenda si manifesti lo spirito vendicativo e ricattatorio dei radicali, che non perdonano chi “tradisce” così come nella politica attiva sono disposti a tutto – anche trasgredire platealmente la legge - pur di imporre le loro battaglie e le loro idee. E’ così che pur avendo pochissimi consensi elettorali sono riusciti a contare sempre tantissimo in politica e anzi, sono stati il principale motore del degrado culturale in Italia (l’abbiamo visto con il divorzio e l’aborto, lo stiamo vedendo con l’eutanasia). Così chi tocca i radicali muore.

E infatti non è un caso che approdi oggi sui giornali la sentenza della Cassazione che è dell’ottobre scorso: perché in questi mesi in cui i radicali hanno lanciato un’offensiva contro la Chiesa sul fronte economico (vedi il caso ICI e 8 per mille), Quinto su La Bussola Quotidiana ha invece dimostrato – dati alla mano - come la vera anomalia italiana sia nei soldi pubblici che arrivano al partito di Pannella, a partire dall’Affare Radio Radicale. Ma chi prova a mettere il naso negli affari di Pannella e soci, evidentemente deve mettere in conto di pagarne le conseguenze, perché gli amici dei radicali sono tanti, insospettabili e piazzati ovunque nei posti che contano.

E questo ci porta alla seconda riflessione: nei mesi scorsi avevamo chiesto provocatoriamente ai parlamentari cattolici perché anche loro avessero firmato a favore del finanziamento pubblico di Radio Radicale, sapendo di dare così un sostegno a chi fa della guerra alla Chiesa la propria bandiera. La domanda è rimasta sospesa; resta il fatto impressionante di un consenso all’ingiusto finanziamento di Radio Radicale che riguarda la stragrande maggioranza dei parlamentari e investe trasversalmente ogni schieramento. Ed è così che da Prodi a Monti, tutti i governi hanno cercato di tagliare questa spesa ingiustificata a carico dei contribuenti e sono poi dovuti puntualmente tornare sui loro passi.

La vicenda di Quinto suggerisce una risposta anche a quella domanda: evidentemente chi vuole campare a lungo – in politica, ma anche più in generale nella società italiana – è bene che non diventi nemico dei radicali, che non intralci i loro affari, meglio se gli dà anche sostegno pubblico. Un dato su cui riflettere.

 

 

Storia di un tesoriere

di Danilo Quinto13-02-2012


Dal 1995 al 2005, ho ricoperto l’incarico di Tesoriere del Partito Radicale, nel quale ho militato e collaborato sin dal 1986. Oltre all’organizzazione di tutte le campagne elettorali e referendarie - rispetto alle quali gestivo i rapporti con i fornitori, decidendo, per conto di Pannella, spese di rilevantissima entità - avevo la responsabilità di tutte le strutture del Partito. Promossi l’autofinanziamento, con una raccolta di denaro che in dieci anni superò i 25 milioni di euro. Valorizzai i beni dell’area, con importi economici pari ad oltre 20 milioni di euro.

Rimisi il mio mandato al gruppo dirigente del Partito ai primi di luglio del 2005.
Nell’ottobre del 2005, iniziai il percorso della causa di lavoro, nella quale chiedevo il riconoscimento economico dei miei vent’anni di lavoro svolti con prestazione occasionale, senza maturazione della pensione e di quant’altro corrispondeva ai miei diritti.

La risposta dei radicali fu una denuncia che ricevetti nei primi mesi del 2006. Mi accusavano di indebite appropriazioni di somme pari a circa 200mila euro, dal 1999 al 2005, tutte regolarmente contabilizzate, oggetto di ricevute e dichiarate nei bilanci, illustrati nelle mie relazioni, visionabili e approvati in Congresso.

Ricevuta la denuncia, presentai allo stesso Procuratore che stava istruendo il mio processo una auto-denuncia-querela su fatti circostanziati e documentati di cui ero stato testimone nella mia attività di Tesoriere, di cui non ho mai ricevuto notifica di archiviazione.
Il rinvio a giudizio l’ho ricevuto nel maggio del 2007. Il processo di primo grado durò due anni. In una delle udienze, testimoniò anche Pannella: mi definì “impostore e dedito tecnicamente ad attività truffaldina”. Si chiuse il 5 ottobre del 2009. Fui condannato alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed € 500 di multa - sospese con beneficio di non menzione - nonché al risarcimento del danno nella misura di €.206.089,23, di cui liquidati in via provvisionale €.187.353,85, perché “per procurarsi un ingiusto profitto, abusando della sua qualità di tesoriere del partito radicale, avendo la disponibilità giuridica e di fatto dell’amministrazione dei fondi del partito, si appropriava nel corso degli anni di ingenti somme di denaro, per spese personali prive di causa giuridica e/o giustificazione documentale, comunque non riconducibili all’attività del partito né per tale scopo in qualche modo giustificate o giustificabili” (dalla sentenza).

Le somme a cui ci si riferiva erano in realtà scritte nei bilanci approvati e costituivano miei compensi e rimborsi spese documentati. In forza della provvisionale esecutiva statuita nella sentenza di primo grado, il 15 aprile 2010 il Partito Radicale agì attraverso l’ufficiale giudiziario, che si presentò a casa mia con un atto di pignoramento relativo alle somme di denaro statuite nella sentenza. Feci l’opposizione civilistica, che si discuterà nel 2014.

Mi rivolsi, quindi, con un ricorso alla Corte di Appello di Roma, avverso la sentenza di I grado e presentando un’istanza di sospensione della condanna provvisionale, rinunciando di fatto ad ulteriori termini di prescrizione. La Corte d’Appello emise la sentenza il 17 gennaio 2011, con la quale, in riforma della sentenza di primo grado, veniva dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione in ordine agli episodi di appropriazione a tutto il 17 luglio 2003, confermando la condanna per il resto e determinando la pena, per gli episodi successivi, in mesi 10 di reclusione ed euro 300 di multa, confermando le statuizioni civili della sentenza di primo grado limitatamente alla condanna al risarcimento dei danni in favore della parte civile, riservando la liquidazione a separato giudizio e revocando la provvisionale assegnata.

Afferma il mio difensore, il Prof. Francesco Saverio Fortuna: “Se il Partito Radicale ritiene che si tratti di somme indebitamente percepite, avrebbe potuto chiederne il rimborso, ma compensandole con le somme di importo superiore dovute a Danilo Quinto come trattamento di fine rapporto. La Corte d’Appello di Roma si è resa conto dell’anomalia ma ha dovuto utilizzare i risultati di una perizia contabile disposta nel giudizio di appello, stesa da un consulente (un ragioniere) del tutto inadeguato alla bisogna. In ogni caso, la Corte d’Appello ha revocato la provvisoria esecuzione disposta dal giudice di primo grado.
Quanto al grado in Cassazione (il giudizio in Cassazione si è tenuto nell’ottobre scorso) è noto a tutti – anche se la decisione della II Sezione della Corte è censurabile sotto il profilo della intrinseca logicità – che nei casi in cui la Cassazione ritenga in qualche modo adeguata la motivazione della sentenza impugnata è solita dichiarare, senza troppa fatica, il ricorso inammissibile”.

Per comprendere il senso dell’intera vicenda, sarebbe necessario leggere per intero la memoria-ricorso in Cassazione, firmata dal Prof. Fortuna, della quale riporto qui solo due passi finali:
“L’approvazione del bilancio copre qualunque possibilità di contestazione, salvo che vi siano poste non iscritte o occultate, ipotesi nel caso di specie esclusa dal fatto che la responsabile dell’amministrazione, sentita in dibattimento, ha confermato che il ricorrente aveva dato precise disposizioni affinché le somme dallo stesso percepite, fossero iscritte in un apposito capitolo di spesa, evitando di occultare gli importi dei compensi ovvero dei prestiti. In mancanza di contestazione, i vertici del Partito Radicale hanno quindi legittimato l’operato del Tesoriere, che ha dunque operato sulla scorta del consenso dell’avente diritto ex art. 50 c.p.”.

Ancora, in conclusione della memoria, scrive il prof. Fortuna: “La motivazione dell’impugnato provvedimento soffre il riscontro con gli atti del processo, anche nella parte in cui trascurava che la gestione della Cassa sotto la Tesoreria Quinto era sempre stata ratificata ed approvata dai vertici del Partito e dal Congresso, circostanza dimostrata dalla puntuale approvazione dei bilanci e dal fatto che lo stesso On. Pannella – che in dibattimento ha chiarito di aver denunciato il Quinto per risentimento personale e comunque solo dopo che questi aveva instaurato una causa di lavoro al Partito Radicale – dopo un brevissimo periodo di assunzione delle funzioni di Tesoriere, aveva riconfermato il ricorrente nella qualità. Non era dunque illogico ritenere la condotta scriminata alla luce del disposto dell’art. 50 c.p., secondo il quale ‘non è punibile chi lede o pone in pericolo un diritto, col consenso della persona che può validamente disporne’”.

Insomma, sarei stato così presuntuoso da volerla fare in barba a Pannella, mettendo addirittura a bilancio tutte le poste che mi vengono contestate.

Invece, si tratta di una vicenda che ha poco di giuridico e molto di vendetta personale, consumata tra le pieghe di atti processuali e chicche di un’umanità politica persa in un profondo delirio d’onnipotenza. Per questo, ho riunito documenti e carte che hanno fatto vent’anni della mia vita. E ho scritto un libro.

Per quanto riguarda la causa di lavoro, perso il primo grado di giudizio, attraverso il mio legale, il prof. Giulio Prosperetti, ho presentato il ricorso in appello, che in conclusione chiede di dichiarare:
“Che dall’Aprile del 1986 al 18.08.2005. è intercorso tra il Sig. Quinto Pasquale detto Danilo e i seguenti soggetti: 1) Partito radicale Transnazionale, 2) Lista pannella, 3) Società Servizi Torre Argentina S.p.A., 4) Centro di produzione-Radio Radicale S.p.A. nella persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, un unico e ininterrotto rapporto di lavoro subordinato avente natura dirigenziale e per l’effetto condannare, per differenze retributive, ferie non godute, indennità di mancato preavviso e TFR, i suddetti appellati a corrispondere al ricorrente l’importo complessivo lordo già rivalutato al 2005 di euro 1.449.253,00., ovvero la somma maggiore o minore che dovesse ritenere di giustizia anche all’esito della CTU contabile; voglia inoltre dichiarare il diritto del ricorrente alla contribuzione previdenziale ed ai danni per i contributi prescritti; con interessi e rivalutazione delle somme, con vittoria di spese competenze ed onorari del doppio grado di giudizio. In via istruttoria si chiede l’ammissione dei capitoli di prova di cui al ricorso introduttivo e CTU contabile in ordine a spettanza del ricorrente ex art. 36 Cost. con riferimento al Contratto Collettivo dei dirigenti del settore terziario”.

 

La mia conversione

di Danilo Quinto13-02-2012

 

Quando, otto anni fa, conobbi la donna che sarebbe diventata mia moglie, mi avvicinai alla fede. Lei, non solo andava a Messa ogni giorno, ma costantemente, nella giornata, con estrema naturalezza, tutto rapportava a Dio e dal Vangelo attingeva ogni suo sapere.
All’inizio, mi sembrò un po’ strana, ma più il tempo passava e più mi sentivo coinvolto in un’altra atmosfera, in un altro modo di sentire e vedere la vita.

Un giorno, prima di portarmi a conoscere la sua famiglia, mi portò dal suo amico benedettino, “monaco et pauper”, Don Luigi. Lui, con il suo sorriso, la sua ironia e la bellezza, scavò in me un solco, che, attraverso un rapporto epistolare costante, divenne sempre più profondo e s’interruppe solo una settimana prima della sua morte, il 4 febbraio 2011.
Era meraviglioso il suo sguardo lucido sulla realtà, le sue analisi della vita, tanto che un giorno mi disse: “Il demonio (quel signore di Pannella), quando lo si incontra, bisogna schiacciarlo senza pietà”.

Così, si è consumata la mia maturazione, nella verità del Vangelo e le mie dimissioni dal Partito Radicale. Con la conseguente richiesta di pensione, da parte mia, per vent’anni di lavoro occasionale e la denuncia da parte loro.
Questi ultimi, ben radicati nella realtà, non potevano che stravincere contro di me (su questa terra). E’ facile fare i forti quando si è in tanti e trasversali nel panorama politico italiano da sessant’anni.
Ecco, l’esiguità del giudizio del mondo.

Invece, la mia unica certezza, è l’amore di Dio. Per questo, mi rendo conto che le prove e le umiliazioni a cui sono sottoposto, rientrano in un piano di purificazione.

Ho collaborato con il male per anni. E so che il sangue del Salvatore, è stato versato anche per cancellare tutto questo. Posso unirmi alla Croce, solo offrendo il mio dolore quotidiano, forte della mia onestà e della mia fede. Quando non hai più nulla – mi hanno tolto la dignità e l’onore, solo per vendetta e per il gusto di farlo – ti senti solo e nudo.
Questo era necessario! Perché solo oggi comprendo che tutto ho ricevuto da Dio e io, nella mia miseria, gli offro la mia unica ricchezza: il disagio, la vergogna, il dolore più intimo.
Sono felice di poter soffrire insieme alla mia famiglia, ingiustamente condannato, perché ho la certezza di essere dalla parte del Vero, di non aver commesso alcun male, se non quello di aver vissuto lontano dalla grazia di Dio per vent’anni.

Oggi, sono pronto a purificarmi, con la gioia, nel dolore, sapendo che non sono solo. Con me c’è Cristo, che mi ha condotto per mano: in Lui mi anniento, a Lui, lascio fare la mia vita.
Come dice Pierfrancesco, mio figlio di sette anni: “Papà, diciamo una preghiera insieme anche per i nostri nemici”. Ogni volta, queste parole mi riempiono di gioia, perché non ho sentimenti di vendetta. So che Dio ha scelto per me questo percorso di purificazione. Per il mio bene. Io a Lui mi stringo e ringrazio.
 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi