AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Atto di consacrazione

Santa Messa

Canti liturgici

Dottrina Cristiana

Principi di Catechismo

Preghiere della Tradizione Cristiana

Preghiere del Cavaliere

Libri e testi di formazione

Calendario liturgico della Milizia del Tempio

Divinum Officium

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » La milizia del tempio » Dottrina Cristiana

Dottrina Cristiana

I - LE VERITA’ CHE OGNI CRISTIANO DEVE CREDERE
II - LE COSE CHE SI DEVONO SAPERE PER NECESSITA’ O PER PRECETTO
III - PRATICARE IL BENE
IV - FUGGIRE IL MALE
V - PROFESSARE LA FEDE

I - LE VERITA’ CHE OGNI CRISTIANO DEVE CREDERE

  • I due misteri principali della Fede:

1° Unità e Trinità di Dio.
2° Incarnazione, Passione, Morte e Resurrezione di nostro Signore Gesù Cristo.

  • Che Dio:

1° Premia i buoni con il paradiso.
2° Castiga i cattivi con l’inferno

 

II - LE COSE CHE SI DEVONO SAPERE PER NECESSITA’ O PER PRECETTO

  • Preghiere:

Credo, Pater, Gloria, Ave Maria, Salve Regina, Angele Dei, Requiem Aeterna, Atto di Fede, Atto di Speranza, Atto di Carità, Atto di Dolore.

  • I dieci Comandamenti di Dio o Decalogo:

Io sono il Signore Dio tuo
1° Non avrai altro Dio fuori che me.
2° Non nominare il nome di Dio invano.
3° Ricordati di santificare le feste.
4° Onora il padre e la madre.
5° Non ammazzare.
6° Non commettere atti impuri.
7° Non rubare.
8° Non dire falsa testimonianza.
9° Non desiderare la donna d’altri.
10° Non desiderare la roba d’altri.

  • I due comandamenti della Carità:

1° Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.
2° Amerai il prossimo tuo come te stesso.

  • I cinque precetti generali della Chiesa (formula antica):

1° Ascoltare la Messa la domenica e le altre feste comandate.
2° Santificare i giorni di penitenza secondo le disposizioni della Chiesa.
3° Confessarsi almeno una volta all’anno, e comunicarsi almeno a Pasqua.
4° Soccorrere alle necessità della Chiesa, contribuendo secondo le leggi le usanze.
5° Non celebrare solennemente le nozze nei tempi proibiti.

  • I cinque precetti generali della Chiesa (formula attuale):

1. Partecipare alla Messa la domenica e le altre feste comandate e rimanere liberi da lavori e da attività che potrebbero impedire la santificazione di tali giorni.
2. Confessare i propri peccati almeno una volta all'anno.
3. Ricevere il sacramento dell'Eucaristia almeno a Pasqua.
4. Astenersi dal mangiare carne e osservare il digiuno nei giorni stabiliti dalla Chiesa.
5. Sovvenire alle necessità materiali della Chiesa stessa, secondo le proprie possibilità.

  • I sette sacramenti:

1° Battesimo;
2° Cresima;
3° Eucaristia;
4° Confessione;
5° Estrema Unzione (Unzione degli Infermi);
6° Ordine (Sacerdozio);
7° Matrimonio.
 

III - PRATICARE IL BENE 

  • Le tre virtù teologali:

1° Fede;
2° Speranza;
3° Carità.

  • Le quattro virtù cardinali:

1° Prudenza;
2° Giustizia;
3° Fortezza;
4° Temperanza.

  • Le sette opere di misericordia corporale:

1. Dar da mangiare agli affamati;
2. Dare da bere agli assetati;
3. Vestire gl’ignudi;
4. Alloggiare i pellegrini;
5. Visitare gl’infermi;
6. Visitare i carcerati;
7. Seppellire i morti.

  • Le sette opere di misericordia spirituale:

1. Consigliare i dubbiosi;
2. Insegnare agli ignoranti;
3. Ammonire i peccatori;
4. Consolare gli afflitti;
5. Perdonare le offese ricevute;
6. Sopportare pazientemente le persone moleste;
7. Pregare Dio per i vivi e per i morti.

  • I sette doni dello Spirito Santo:

1° Sapienza;
2° Intelletto;
3° Consiglio;
4° Fortezza;
5° Scienza;
6° Pietà;
7° Timor di Dio.

  • I tre consigli evangelici:

1° Povertà volontaria,
2° Amore verso la Castità,
3° Ubbidienza al Direttore Spirituale.

  • Le otto Beatitudini (Matteo 8, 1-12):

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati i pacifici, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.

  • La Carità è:

1 - longanime e benigna
2 - non invidia
3 - non si vanta e non si insuperbisce
4 - non rifiuta nessun servizio ai fratelli
5 - non cerca il proprio interesse
6 - non si irrita
7 - non tiene conto del male ricevuto
8 - non gode dell’ingiustizia, ma si rallegra della verità
9 - tutto scusa e tutto crede
10 - spera sempre e tutto sopporta
S. Paolo - I Cor 13

 

IV -  FUGGIRE IL MALE

  • I sette vizi capitali:

1° Superbia;
2° Avarizia;
3° Lussuria;
4° Ira;
5° Gola;
6° Invidia;
7° Accidia.

  • I sei peccati contro lo Spirito Santo:

1° Disperazione della salvezza;
2° presunzione di salvarsi senza merito;
3° impugnare la verità conosciuta;
4° invidia della grazia altrui;
5° ostinazione nei peccati;
6° impenitenza finale.

  • I quattro peccati che gridano vendetta davanti Dio:

1° Omicidio volontario;
2° Peccato impuro contro natura (Omosessualità, Sodomia);
3° Oppressione dei poveri;
4° Frode nella mercede (pagamento) agli operai.

  • Ci si rende colpevoli dei peccati altrui:

1. Consigliando il peccato;
2. Istigando al peccato;
3. Comandando il peccato;
4. Acconsentendo al peccato;
5. Permettendo il peccato potendolo impedire;
6. Non castigando il peccato avendone il dovere;
7. Lodando il peccato;
8. Difendendo il peccato;
9. Partecipando al peccato;
10. Tacendo il peccato quando si ha l'obbligo di denunciarlo.

  • Il Peccato:

• Può commettersi con pensieri, parole, opere o omissioni;
• Diventa mortale quando ricorre: gravità di materia, piena avvertenza, pieno consenso.

 

V - PROFESSARE LA FEDE

  • Per Confessarsi bene:

• Orazione: per ottenere la grazia di conoscere a detestare i peccati commessi;
• Esame di coscienza: fatto con diligenza;
• Dolore per i peccati commessi: inferno, soprannaturale, sommo a universale;
• Proponimento di non piú peccare: fermo, universale, efficace;
• Confessione: breve, intera, umile, sincera, prudente;
• Penitenza: intera, devota e pronta.

  • Le Opere della Penitenza:

• L'orazione;
• Il Digiuno;
• La Elemosina ai poveri.

  • Per fare bene la S. Comunione:

• Essere in grazia di Dio;

• Essere digiuno da almeno un'ora;
• Sapere che si va a ricevere il Corpo, il Sangue, l'Anima e la Divinità di N. S. Gesú Cristo;
• Accostarsi con fede a con devozione.

  • I quattro Novissimi (cioè i quattro destini ultimi che attendono l’uomo):

1° Morte;
2° Giudizio;
3° Inferno;
4° Paradiso.

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Novembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi