AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Dalla parte del carabiniere

POLITICA ITALIANA

Dalla parte del carabiniere

01/03/2012

di Roberto Marchesini 01-03-2012 da "La Bussola Quotidiana"


Il video nel quale un manifestante No-Tav insulta e provoca un carabiniere è realmente scioccante.


È scioccante per la violenza (verbale, ovviamente) che il manifestante disarmato riversa sul carabiniere in tenuta antisommossa. È sconvolgente per la presenza, a pochi metri, di un giornalista RAI, noto per essere il difensore degli oppressi, che sente e non interviene. È suggestivo per la presenza incombente, sullo sfondo, della Sacra di San Michele, che evoca lo scontro biblico tra il bene e il male. È paradossale perché la vittima della violenza è armata, l'aggressore disarmato.

Cosa, dunque, rende l'aggressore così tracotante, sicuro, arrogante, provocatorio? Il fatto che il carabiniere non possa reagire. Il manifestante sa che può dire tutto ciò che vuole e che il carabiniere non reagirà. Non reagirà perché ha ricevuto un ordine. Non reagirà perché è armato. Non reagirà perché è forte. Non della sua tenuta antisommossa; della sua dignità.

 
Tra i due c'è un abisso che chiunque può percepire. Per questo il video suscita reazioni così forti, dal punto di vista emotivo. Per questo chiunque lo guardi (a meno di preconcetti ideologici) si schiererà con il carabiniere. Perché quest'uomo, forte della sua dignità, del suo onore, della padronanza di sé, suscita immediatamente (cioè in modo non mediato) tutta la nostra stima, la nostra ammirazione.


È il forte che si lascia insultare dal debole proprio perché è forte, perché è il più forte.

 

Pecorella, lo chiama il manifestante. È un insulto, ovviamente. Lo spiega, per chi fosse troppo ingenuo per capire, il leader dei No-Tav, Alberto Perino: “Lei pensa così perché anche lei è una pecorella, che accetta ciò che dice lo Stato, si mette a novanta gradi e accetta quello che dice Mario Monti. Se la gente avesse fatto come lei, saremmo ancora al fascismo”.

 

Eppure a me, vedendo le immagini e sentendo chiamare il carabiniere “pecorella”, è venuto in mente Isaia 53, 7:

 
Maltrattato, si lasciò umiliare


e non aprì la sua bocca;


era come agnello condotto al macello,


come pecora muta di fronte ai suoi tosatori,


e non aprì la sua bocca.

 


Forse è per questo che il video suscita in noi tanta emozione.


 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi