AREA NOTIZIE

Ultime Notizie

Area Notizie

Notizie su Facebook

Notizie su Twitter

LA MILIZIA DEL TEMPIO

I poveri Cavalieri di Cristo

Storia

Restaurazione

Scopi

Spiritualità e Liturgia

Abito e Insegne

Sostenere la Milizia

GLI ORGANI
DELLA MILIZIA

Il Gran Maestro

Governo della Milizia

Membri della Milizia

ENTI COLLEGATI

La Fondazione

L'Accademia

La Casa Editrice

IL CASTELLO
DELLA MAGIONE

Il Complesso Monumentale

La Sede Magistrale

La Chiesa Magistrale

La Via Francigena

Come raggiungerci

Orario per le visite

SCAUTISMO

La Milizia e lo Scautismo

PUBBLICAZIONI

Documenti

Bollettino

SCRIVI
ALLA MILIZIA

Contatti

La Milizia nel Mondo

Cerca nel sito

Ultimi Interventi

Home page » Notizie » Benedetto XVI, un Papa in missione per conto di Dio

SANTA SEDE

Benedetto XVI, un Papa in missione per conto di Dio

19/04/2011

E' il VI anniversario della Sua elezione al Sommo Pontificato: a quelli di Andrea Tornielli e della "Bussola Quotidiana" si aggiungono gli auguri del Gran Maestro e dei Cavalieri della Milizia del Tempio: Oramus pro Te, beatissime pater noster Benedicte: Dominus Te conservet et vivificet et beatum in terra Te faciat et non tradat Te in animam inimicorum Tuorum, extra et intra!

di Andrea Tornielli 19-04-2011

Oggi Benedetto XVI, che sabato scorso ha compiuto 84 anni, entra nel settimo anno del suo pontificato. Quando quel 19 aprile 2005 il cardinale Joseph Ratzinger, pronunciando la parola «accepto» divenne il nuovo Papa, accompagnò la sua accettazione con poche parole, per spiegare il perché del nome Benedetto. Parlò del legame che lo univa al santo patrono d’Europa, ma anche della figura dell’ultimo suo predecessore che si era chiamato così, Benedetto XV (1914-1922), facendo un’allusione sia all’impegno di quel Pontefice per la pace, sia alla durata non lunga del suo pontificato.

Quello di Papa Ratzinger, eletto quando aveva appena compiuto 78 anni, è stato presentato nel 2005 come un pontificato di transizione. Ma ciò che ha compiuto fino ad ora, più e prima ancora della durata cronologica, ci dicono che quella interpretazione non fosse vera.
Benedetto XVI, iniziando il suo pontificato, chiese preghiere per avere la forza di non fuggire «davanti ai lupi». Disse che voleva far risplendere la luce di Cristo, non la propria luce.

In questi primi sei anni di pontificato ha pubblicato tre encicliche, ha annunciato il cristianesimo come incontro con la bellezza che salva, ha invitato a non contrapporre fede e ragione, ha richiamato l’uomo a non credersi Dio, a non manipolare la vita. Ha invitato la Chiesa, ferita da scandali e sporcizie, a fare penitenza e alla purificazione. Si è presentato al mondo per ciò che è, senza tacere le proprie fragilità, ma dimostrando una grande forza e decisione nell’affrontare gli abusi sessuali che vedono coinvolti esponenti del clero. Ha avuto il coraggio di affermare che la più grande persecuzione per la Chiesa non arriva dall’esterno, ma dal peccato dentro la Chiesa. Ha seguito, da «umile lavoratore della vigna del Signore» le orme del suo predecessore, girando anche lui (che si ipotizzava non volesse viaggiare) in lungo e in largo per il mondo. Si è fatto conoscere, facendo cadere il cliché negativo e le caricature che gli erano state interessatamente affibbiate addosso.

Ma soprattutto, con il suo esempio e con le sue omelie, ha richiamato continuamente tutti noi a guardare alla Chiesa non come il frutto di nostri progetti, proiezione di nostre strategie, esito delle nostre azioni. Ci ha richiamato e ci richiama sempre a considerare che la Chiesa è la «Sua» Chiesa (non del Papa, ma di Gesù) e che è lui – non il Papa – a condurla. Per questo, nonostante le fragilità umane dei suoi membri, così evidenti negli ultimi tempi – possiamo ancora una volta far nostra la frase che il cardinale Ercole Consalvi, Segretario di Stato di Pio VII, disse rispondendo a un ambasciatore che gli aveva appena detto: «Eminenza, Napoleone vuole distruggere la Chiesa!». «Non ci riuscirà. – rispose Consalvi – Non ci siamo riusciti nemmeno noi…». Proprio questa frase, così profondamente cristiana, citò l’allora cardinale Ratzinger nel 2000, presentando la purificazione della memoria voluta da Giovanni Paolo II per il Giubileo.

La consapevolezza che è il Signore della storia a condurre la partita, che è Lui a guidare la Chiesa, nonostante (e anche attraverso) la nostra piccolezza e miseria, rappresenta una delle grandi testimonianze di questo Papa che non sta fuggendo davanti ai lupi perché sa bene di non essere mai solo.

Auguri, Santità, da tutti noi de La Bussola quotidiana. 

Condividi su

AREA RISERVATA

Username

Password

EFFETTUA LA TUA DONAZIONE

Regola della Milizia del Tempio

Divinum Officium

EVENTI:

I VENERDI’ DELLA MAGIONE

- Compleanni del mese: Dicembre

S. Messa Tridentina in Toscana in Italia e nel Mondo

Motu Proprio e Istruzione

Galleria fotografica

La Bussola Quotidiana

Corrispondenza Romana

Ecomuseo della Val d’Elsa

holyart.it - Accessori per la Liturgia

Sito registrato in:

Clicca qui per iscriverti

Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © ORDO MILITIAE TEMPLI E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2002 Militia Templi